Casa sul mare. Luciano Mondello

Quando verrai a trovarmi nella mia casa al mare,
allora sarà già estate.
Prepareremo una cena a base di frutti di mare
e di terra.
Dopo alla luce soffusa di un lume, ci metteremo fuori in terrazza a guardare le stelle luccicanti muoversi sul mare,
Tu mi leggerai come sempre una poesia d’amore.
Io ti ascolterò in silenzio tenendoti la mano contandoti i battiti
del cuore.

(L.M.)

Sogno una casa che guardi sul mare, di scrivere su una stella: “Non disturbare”, di starmene li a guardare le isole e le barche passare, e di addormentarmi alla ninna nanna del canto delle sirene delle onde.
(L.M)

Voglio vivere lentamente.
Gustarmi la vita istante per istante,
voglio sentire l’odore del mare,
la brezza fredda di tramontana,
e il fiato caldo dello scirocco.
Voglio un’amaca sul terrazzo
e confondere la notte le stelle e
le lampare e il cielo col mare.
(L. M.)