๐‘ฐ๐’”๐’๐’๐’‚ ๐’Š๐’ˆ๐’๐’๐’“๐’‚๐’•๐’‚. ๐‘ฎ๐’๐’๐’“๐’Š๐’‚ ๐‘ญ๐’–๐’†๐’“๐’•๐’†๐’”

Gloria Fuertes (Madrid, 28 luglio 1917 โ€“ Madrid, 27 novembre 1998), Potessa e Scrittrice spagnola

๐‘บ๐’†๐’๐’•๐’ ๐’„๐’‰๐’† ๐’Ž๐’Š ๐’‚๐’Ž๐’‚ ๐’„๐’‰๐’† ๐’๐’๐’ ๐’‘๐’–๐’ฬ€ ๐’‚๐’Ž๐’‚๐’“๐’Ž๐’Š.

๐‘จ๐’๐’„๐’–๐’๐’Š ๐’‘๐’๐’†๐’•๐’Š ๐’”๐’๐’๐’ ๐’„๐’๐’Ž๐’† ๐’ƒ๐’‚๐’Ž๐’ƒ๐’Š๐’๐’Š ๐’…๐’Š ๐’…๐’–๐’† ๐’‚๐’๐’๐’Š: ๐’”๐’๐’๐’ ๐’ƒ๐’“๐’‚๐’—๐’Š๐’”๐’”๐’Š๐’Ž๐’Š, ๐’Ž๐’‚ ๐’๐’๐’ ๐’”๐’Š ๐’„๐’‚๐’‘๐’Š๐’”๐’„๐’† ๐’๐’Š๐’†๐’๐’•๐’†.

๐‘ฐ๐’”๐’๐’๐’‚ ๐’Š๐’ˆ๐’๐’๐’“๐’‚๐’•๐’‚

Sono come lโ€™isola ignorata
che palpita cullata da alberi succosi
al centro di un mare
che non mi comprende,
circondata dal nulla,
โ€” sola soletta โ€”.
Ci sono uccelli splendenti nella mia isola,
e dipinte da angeli pittori
ci sono fiere che mi guardano dolcemente,
e fiori velenosi.
Ci sono ruscelli poeti
e voci interiori
di vulcani addormentati.
Cโ€™รจ forse anche un tesoro
nella sua parte piรน interna.
Chissร  se ho
diamanti nella mia montagna,
o soltanto un piccolo
pezzo di carbone!
Gli alberi del bosco della mia isola,
siete voi miei versi.
Come suonate bene a volte
quando il vento musicale
vi sfiora quando viene il mare che mi circonda!
Se qualcuno giunge a questโ€™isola che sono,
che incontri qualcosa รจ il mio desiderio;
โ€” sorgenti di versi incendiati
e cascate di pace io ho โ€”.
Un nome che mi risale lโ€™anima
e non vuole che pianga i miei segreti;
e sono terra felice โ€” ho lโ€™arte
di essere felice e povera allo stesso tempo โ€”.
Per me รจ un piacere essere ignorata,
isola ignorata nellโ€™oceano eterno.
Al centro del mondo senza un libro
so tutto, perchรฉ venne un messaggero
e mi lasciรฒ una croce per la vita
โ€” per la morte mi lasciรฒ un mistero.

Gloria Fuertes

(da Isola ignorata, 1950)